venerdì 27 febbraio 2015

Cake gluten free con grano saraceno, banana e cocco


Domani è sabato ed è ora di preparare una bella torta. Adoro i plumcake morbidi a colazione, sono l'ideale per accompagnare il mio tè profumato e così mi sono messa all'opera. 
Come spesso succede, avevo diverse cose da finire che sono diventate ingredienti della torta, ho segnato tutti i pesi, aggiunto a sentimento e così, visto che la torta alla fine mi ha soddisfatto, ve la scrivo!  :-D
Buon fine settimana a tutti!
Con questa ricetta partecipo a 100% Gluten free (fri)day

 

Cake gluten free con grano saraceno, banana e cocco:

150 g di farina di riso,
100 g di crema di cocco (o latte),
70 g di zucchero di canna,
50 g di zucchero semolato,
50 g di farina di grano saraceno,
80 g di burro fuso,
1 banana matura,
1 sacchetto di lievito per dolci gluten free,
un pizzico di sale,
un poco di estratto di vaniglia,
una grattata di fava tonka (facoltativo).

Scaldare il forno a 180°C. Montare le uova intere con lo zucchero (entrambi i tipi insieme),  unire il burro fuso ormai freddo, la crema di cocco, la banana tagliata a pezzettini (con le fruste si amalgamerà perfettamente) e infine le farine un poco per volta, sempre continuando a mescolare, unire anche il lievito setacciato, il sale e la vaniglia e versare nello stampo imburrato e infarinato oppure rivestito di carta forno (il mio stampo è circa 25 x 10 cm).
Cuocere in forno per circa 40 minuti (fare la prova dello stecchino, deve uscire pulito).
Lasciare intiepidire e servire.

Nota: ho usato crema di cocco che è molto densa ma va bene anche il latte di cocco o quello che preferite.





martedì 17 febbraio 2015

Baci dorati


Per la mia seconda proposta per l'MTChallenge di febbraio mi sono ispirata alla città in cui vivo, Ravenna. Per secoli ha ispirato poeti, scrittori e pittori, io nel mio piccolo, le dedico un bacio al cioccolato, ripieno di uvetta dorata (alla grappa) e croccante biondo caramello, decorato con polvere d'oro commestibile, a ricordare le tessere dorate dei suoi mosaici, nascosti in scrigni di semplici mattoni, per la nostra meraviglia e meditazione che si perpetua nei secoli.
Come scrive André Frossard in "Il Vangelo secondo Ravenna":

"Nel suo incanto di terracotta, l'acqua pura della contemplazione è a Ravenna".



Baci dorati:

100 g di uvetta ammollata nella grappa,
100 g di zucchero semolato,
120 g di cioccolato fondente al 50%,
60 g di cioccolato al latte,
60 g di panna,

300 g circa di cioccolato fondente per la copertuta,
polvere d'oro commestibile per decorare.

Scolare e asciugare l'uvetta, cuocere lo zucchero in un padellino antiaderente fino ad ottenere un caramello dorato, versarvi l'uvetta, mescolare con un cucchiaio di legno, versare su carta forno e lasciare raffreddare.

 
Tagliare a coltello il cioccolato, portare a leggero bollore la panna e versare sul cioccolato, mescolare bene (se necessario riscaldare leggermente al microonde e mescolare bene).
Lasciare intiepidire e unire l'uvetta al caramello (tenerne via qualcuna per decorare), mescolare e lasciare rassodare in frigo. Formare dei  mucchietti della dimensione dei baci, in cima ad ognuno mettere un paio di uvette. Lasciare rassodare in frigo.
Tamperare circa 300 gi cioccolato fondente al 50% e tuffarvi i baci, scolare il cioccolato in eccesso e appoggiare su carta forno. Decorare con polvere d'oro commestibile.



Sapore di sale


"Sapore di sale , 
sapore di mare,
che hai sulla pelle, 
che hai sulle labbra..."

Il testo della canzone di Gino Paoli lo conosciamo tutti ma è quello che più si adatta ai miei baci, i famosi ciccolatini, oggetto della sfida dell'MTChallenge di questo mese. Annarita ci ha proposto una ricetta bellissima ma anche molto difficile, temperaggio del cioccolato compreso, ma noi che non ci facciamo spaventare da nulla (seeeee!!!) abbiamo risposto con fiumi di cioccolato.
La mia prima proposta è tutta romagnola, la dedico a mio marito, il mio romagnolo, ci ho messo dentro la piadina, che ho "sabbiato" con zucchero per ricordare la spiaggia e accompagnato con pinoli di pineta e sale dolce di Cervia, il nostro oro bianco, più estate e pineta di così...   :-D

Baci con piadina, pinoli e sale di cervia:

per la piadina sabbiata:
100 g di piadina leggermente rafferma,
80 g di zucchero semolato,
40 g di acqua.
Cuocere lo zucchero con l'acqua fino a120°C, unire la piadina tagliata a piccoli dadini (circa mezzo cm) e mescolare con un cucchiaio di legno per pochi istanti, versare su carta forno e separare i dadini sabbiati, lasciare rafreddare.

per la ganache:
160 g di cioccolato fondente al 50%,
40 go di cioccolato al latte,
100 g di panna,
la punta di un cucchiaino di sale dolce di Cervia.
Tagliare a coltello il cioccolato, portare a leggero bollore la panna e versare sul cioccolato, mescolare bene (se necessario riscaldare leggermente al microonde e mescolare bene).
Lasciare intiepidire e unire la piadina sabbiata, il sale e 30 g di pinoli leggermente tostati in forno (tenere da parte qualche cubetto da mettere in cima alla ganache).


Lasciare rassodare in frigo e formare dei  mucchietti della dimensione dei baci, in cima ad ognuno mettere un cubetto di piadina. Lasciare rassodare in frigo.
Tamperare circa 300 gi cioccolato fondente al 50% e tuffarvi i baci, scolare il cioccolato in eccesso e appoggiare su carta forno. Decorare con un pizzico di sale di Cervia.



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails